Sesso Anale: il tabù dei tabù

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il sesso anale è uno dei tabù sessuali per antonomasia. Nei capitoli 18 e 19 della Genesi si parla della sodomia per descrivere il coito anale ed altri atti sessuali senza coito.
La sodomia è stata considerata per secoli un’eresia e ancora oggi 69 paesi e 5 giurisdizioni subnazionali prevedono leggi su essa, collegate ai rapporti tra persone dello stesso sesso.

All’interno dei codici penali dell’impero assiro (1075 a.C.), la legge più antica conosciuta a riguardo, veniva previsto che: se un uomo aveva un rapporto sessuale con un commilitone, egli veniva trasformato in eunuco.

Per trovare leggi sulla decriminilizzazione della sodomia bisogna andare al 1791 con Pietro Leopoldo di Toscana che, abolendo la pena di morte per tutti i reati, abolì anche quella per la sodomia, commutandola comunque in carcere e lavori forzati.

Perché la sodomia e il rapporto anale hanno sempre costituito il tabù dei tabù?

San Pier Damiani O.S.B. nel Liber Gomorrhanus, Patrologia Latina rispondeva così: «Questo vizio non va affatto considerato come un vizio ordinario, perché supera per gravità tutti gli altri vizi. Esso infatti uccide il corpo, rovina l’anima, contamina la carne, estingue la luce dell’intelletto, scaccia lo Spirito Santo dal tempio dell’anima, vi introduce il demonio istigatore della lussuria, induce nell’errore, svelle in radice la verità dalla mente ingannata, prepara insidie al viatore, lo getta in un abisso(..)»

La verità sul sesso anale

Lasciando da parte i tabù che sfociano in superstizione, ignoranza e costumi vetusti, in realtà l’orgasmo anale è il più intenso e duraturo di tutti e non ha niente di innaturale.

Secondo un’indagine del 2015 in Italia il 40% delle ragazze tra i 20 e 24 anni aveva provato almeno una volta il sesso anale; Mona Chalabi, nota giornalista inglese, in una ricerca ha scoperto che ben il 94% delle donne che fanno sesso anale raggiungono l’orgasmo.

Per quanto riguarda gli uomini il sesso anale è addirittura sano in quanto previene infezioni, patologie e tumore alla prostata.

Come praticare il sesso anale?

Il sesso anale può essere doloroso se non lo si fa con attenzione. Innanzitutto è necessario essere rilassate/i e non aver paura, bisogna evitare scatti improvvisi, contrazioni o mosse brusche che possono causare incidenti poco piacevoli.

Importantissimi sono i preliminari: accendendo il desiderio è più facile poi concedersi alle fantasie sessuali.
Per stare tranquilli e agevolare la penetrazione si possono utilizzare lubrificanti ed olii che rendano tutto più scorrevole e sicuro.

È possibile utilizzare un’ampia serie di sex toys e plug anali che possono essere utili anche per fare pratica e non farsi trovare impreparati davanti all’atto.

La posizione topica del sesso anale è quella della pecorina: in realtà è possibile farlo in moltissimi modi ed esistono numerose posizioni per raggiungere orgasmi indimenticabili con il/la proprio/a partner.

Cosa aspettate?

Se non avete ancora provato è il momento di disfarsi del tabù e provare nuove sensazioni.
Nelle Sexy Boutique Beatrix trovi un’ampia gamma di sex toys anali, plug, lubrificanti e tutto ciò che serve per rendere i tuoi rapporti anali delle incredibili esperienze di puro godimento.

Vieni a trovarci a Cerea (Vr), Verona, Sassuolo, Mantova o Ferrara, ti aspettiamo in ambienti raffinati ed eleganti dove potrai trovare tutto per il tuo piacere.

Scopri il catalogo dei nostri sexy shop

Hai un desiderio particolare?

Se non trovi quello che stai cercando contattaci subito per conoscere tutto il catalogo Beatrix. Esplora la profondità del piacere con con i nostri accessori per il bondage.

Torna su